ANTIPARASSITARI : gli effetti dei prodotti chimici

Creare un prodotto naturale, sicuro, che non avesse gli effetti collaterali dei prodotti chimici, utilizzabile da tutti e brevettato è stato il nostro primo obiettivo per tutelare il benessere degli animali.

Vi spieghiamo perché è nato questo bisogno.

La FDA (Food and Drug Administration) ha emesso un avviso per i proprietari di animali domestici e veterinari su prodotti che combattono pulci / zecche contenenti isoxazoline (1). Questi prodotti sono stati segnalati come causa di sintomi neurologici nei cani e nei gatti, inclusi tremori muscolari, perdita di controllo muscolare e convulsioni.

Altri prodotti potenzialmente tossici per animali domestici sono quelli contenenti metaflumizone, amitraz, fipronil e tetraclorvinfos.

Prodotti chimici indicati per pulci / zecche possono essere estremamente pericolosi per i gatti. Ogni prodotto chimico sul mercato ha il potenziale di causare eventi avversi negli animali domestici. Il consiglio principale è quello di evitare, ovviamente se possibile, queste sostanze chimiche e optare per alternative sicure e non tossiche.

L’Annuncio della Food and Drug Administration

L’US Food and Drug Administration (FDA) ha emesso un avviso per i proprietari di animali domestici e veterinari circa il numero di eventi avversi neurologici che si sono manifestati in cani e gatti trattati con prodotti antipulci / zecche, contenenti isossazolina, un parassiticida (insetticida chimico) (2).

Gli effetti collaterali piuttosto gravi che gli animali hanno provato dopo essere entrati in contatto con prodotti contenenti isossazolina includono tremori muscolari, atassia (perdita di controllo muscolare) e convulsioni. La FDA non fornisce alcun avviso specifico in merito al numero di eventi avversi segnalati o se riguardavano principalmente gatti, cani o animali domestici con un determinato peso.

L’agenzia chiede ai produttori di questi prodotti di cambiare l’etichetta “… al fine di fornire ai veterinari e ai proprietari di animali domestici le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni terapeutiche per ciascun animale domestico su base individuale”.

Immaginiamo che la maggior parte dei veterinari che ordinariamente prescrivono prodotti chimici per pulci / zecche considerino solo gli animali con una precedente storia di problemi neurologici a rischio. Dopotutto, non c’è modo di prevedere un potenziale problema negli animali sani, eppure la FDA avverte che “… possono verificarsi convulsioni negli animali senza una precedente storia”.

Praticamente ogni prodotto chimico contro pulce / zecca presente sul mercato ha il potenziale per causare eventi avversi negli animali domestici.

Metaflumizone e amitraz (ProMeris, prodotto contro pulci/ zecche eliminato dal mercato) – Diversi anni fa, Pfizer ha smesso di produrre ProMeris , un trattamento topico per pulci / zecche per cani e gatti. ProMeris for Dogs, chiamato anche ProMeris Duo, conteneva due insetticidi attivi – metaflumizone e amitraz (3). ProMeris per gatti conteneva solo metaflumizone.

L’uso veterinario del metaflumizone può causare la perdita della coordinazione muscolare (stesso problema osservato in precedenza con prodotti contenenti isossazolina), mutazione del gene, perdita di peso, alterazioni del sangue e delle ossa, tossicità epatica e tossicità dello sviluppo riproduttivo.

Il secondo ingrediente di ProMeris Duo, l’amitraz, è tossico per i cavalli, potenzialmente tossico per gatti e conigli e non deve essere usato su chihuahua o cani che soffrono di stress da calore. I cani più vecchi, quelli in salute debilitata e razze molto piccole hanno maggiori probabilità di avere una reazione avversa all’amitraz.

Ci sono diversi potenziali effetti collaterali di amitraz (4), uno dei quali è la perdita di coordinazione muscolare. Inoltre, uno studio pubblicato sulla rivista Veterinary Dermatology ha indicato che i cani trattati con ProMeris Duo rischiano di acquisire una variante della condizione pemphigus foliaceus (PF).

Fipronil (verificare gli ingredienti del vostro antiparassitario) – è un insetticida per pulci, presente in alcuni prodotti contro pulci / zecche, ed è stato classificato dalla US Environmental Protection Agenzia (EPA) come cancerogeno del gruppo C. Il fipronil agisce interrompendo il sistema nervoso centrale degli insetti.

Dalla rivista Biomarkers in Toxicology:

“Negli animali da laboratorio, la somministrazione di fipronil per via orale può produrre i segni di neurotossicità, tra cui convulsioni, tremori, andatura anormale e postura curva. Segni simili possono essere prodotti in seguito all’esposizione per inalazione. I cani e i gatti avvelenati di solito mostrano segni di tremori, convulsioni e morte. A seguito di esposizione cutanea, la tossicità del fipronil (5) è più pronunciata nei conigli che nei ratti e nei topi. Gli esseri umani esposti al fipronil per ingestione possono mostrare sintomi di mal di testa, convulsioni tonico-cloniche, parestesie, polmoniti e morte”.

Sembra chiaro che gli effetti collaterali dell’insetticida negli animali (comprese le persone) riguardino per lo più sintomi neurologici.

Tetraclorvinfos (verificare gli ingredienti del vostro antiparassitario) – Gli studi su questo pesticida hanno prodotto una forte evidenza di cancerogenicità negli animali. Questa tossina è per fortuna ancora vietata nell’Unione europea, ma è ancora in uso negli Stati Uniti su animali da compagnia.

Tre anni fa, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che fa parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha riferito che i pesticidi organofosfati sono cancerogeni (6). Una sintesi dello studio IARC è stata pubblicata sulla rivista The Lancet Oncology nel maggio 2015. I 17 esperti di 11 paesi che hanno preparato il rapporto hanno classificato i tetraclorvinfos come “potenzialmente cancerogeni per l’uomo”, e ci sono prove sufficienti che le restanti quattro sostanze chimiche sono cancerogene agli animali.

I Prodotti Spot-on Presentano un Rischio Significativo per Gatti e Cani di Piccola Taglia

Nonostante la continua promozione da parte dei produttori di farmaci veterinari convenzionali e annunci di stampa che spingono prodotti preventivi contro pulci e zecche, queste sostanze chimiche purtroppo non sono così innocue. Ciò è particolarmente vero per i gatti, e in effetti alcuni anni fa, in un periodo di quattro settimane quattro gatti sono morti dopo essere stati trattati con prodotti spot-on destinati ai cani.

In un caso tragico, proprietari di animali domestici hanno notato pulci su entrambi i loro gatti, quindi hanno applicato “solo una goccia” di un trattamento topico contro le pulci. Nel giro di poche ore entrambi i gatti erano molto provati e uno aveva delle convulsioni. I proprietari portarono immediatamente entrambi i gattini in una clinica veterinaria, ma nessuno dei due sopravvisse. I proprietari dei gatti sapevano che il trattamento era destinato ai cani, ma immaginavano che una piccola quantità sarebbe stata comunque sicura per i gattini.

L’EPA ha stabilito che le etichette dei prodotti spot-on dovevano fornire avvertimenti più chiari contro l’uso di trattamenti per cani sui gatti. L’agenzia ha inoltre raccomandato che i produttori debbano ridurre i dosaggi raccomandati per alcuni animali domestici al fine di prevenire la sovra-medicazione.

Ci sono alternative sicure e non tossiche per il controllo delle pulci e zecche per gli animali domestici, che non hanno effetti collaterali, a differenza di praticamente tutte le forme di pesticidi chimici.

È importante rendersi conto che solo perché un prodotto spot-on chimico viene applicato all’esterno del animale domestico non significa che non possa penetrare all’interno. Qualsiasi sostanza applicata al pelo e alla pelle del tuo animale domestico può essere assorbita dal corpo.

I pesticidi naturali funzionano meglio per prevenire le infestazioni, piuttosto che curare le infestazioni dopo che si sono verificate.

NOTA IMPORTANTE: i prodotti naturali non sono così aggressivi come quelli farmacologici, quindi per una alta protezione occorre sempre usare un prodotto esterno e uno interno, abbinato ad una alimentazione che brevemente acceniamo sotto. Tenere presente che nessun trattamente naturale al 100% supera il più aggressivo o forte prodotto farmacologico, perciò chi sceglierà sempre il naturale, deve dare all’animale una alimentazione che sostiene un sistema immunitario molto forte.

Reazione del Cane Dopo la Somministrazione del Prodotto Spot-on

Se il tuo cane mostra segni di una reazione dopo la somministrazione di un prodotto spot-on, portalo dal veterinario. È inoltre possibile segnalare l’incidente al produttore del prodotto.

Segni di avvelenamento da pesticidi includono reazioni esterne come arrossamento, gonfiore o vesciche. Segni di lesioni interne includono respiro corto o respiro affannoso, bava, nausea, vomito, diarrea, stanchezza eccessiva o contrazioni muscolari. Se il tuo cane mostra uno di questi segni dopo l’applicazione di pesticidi (anche una settimana o settimane dopo), interrompi l’uso e consulta il veterinario.

Altri articoli veterinari sugli effetti tossici https://www.mariamayer.it/blog/post/la-natura-ci-aiuta-antiparassitari-naturali-per-cane-e-gatto

https://tumoricanegatto.blogspot.com/2015/05/antiparassitari-nel-cane-e-nel.html?m=1&fbclid=IwAR37G4s-7FJ4Ad1_1-ndzqbKHF3UeR41HXHgtmynZZgNQrq-etovifpzMpU

ANTIPARASSITARI NATURALI TESTATI Spray brevettato protezione dermatologicamente testata e ipoallergenica

Fonti e riferimenti : 1- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6055183/

2 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5675823/

3 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6037663/

4 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5320840/

5 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5666786/

6 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3705499/

7 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1533205/

Fonte: https://www.fitopets.com/blog/i-rischi-per-la-salute-dei-cani-e-gatti-con-antiparassitari-chimici/

Articoli del Dott. Prota, Dott.ssa Mayer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *